Home > 1968-2008 40anni AC PN

1968-2008 40anni AC PN

Un lungo cammino insieme

Nel 1968, il Friuli occidentale vide la grande conquista dell’autonomia con la nascita della Provincia di Pordenone. Nello stesso anno, mosse i primi passi pure l’Automobile Club Pordenone, che da allora ha rappresentato il punto di riferimento per gli automobilisti di tutta la provincia. Il Sodalizio ha accompagnato lungo questi anni lo sviluppo della mobilità nel territorio pordenonese, garantendo servizi di qualità verso i soci ACI e gli utenti in genere, organizzando grandi manifestazioni educative e di promozione della sicurezza stradale, sempre nel rispetto delle normative e con la convinzione che un bravo automobilista sia innanzitutto un migliore cittadino.

Un’attenzione speciale è stata inoltre riservata, durante tutto il quarantennio, alle manifestazioni sportive automobilistiche, organizzando gare di elevato livello sportivo (Rally di Piancavallo - Rally delle Valli Pordenonesi e di Piancavallo, Azzano Rally) alle quali si sono affiancate gare di rilevanza più contenuta (Rally Sagittario, Ronde Piancavallo, ...), con l’obiettivo dichiarato di far crescere i nuovi talenti delle rispettive specialità e di contribuire alla promozione del territorio.

 

Un lungo cammino insieme ma anche ambiziosi progetti per il futuro dell’Automobile Club Pordenone. 

 

L’evento in Provincia

Quarant’anni dopo, l’AC ha festeggiato ufficialmente la ricorrenza con una giornata speciale proprio nella sede dell’Ente Provincia, in Largo San Giorgio a Pordenone.

Dalle 10 alle 18 del 19 ottobre, una mostra di auto storiche, sia utilitarie che sportive (tra cui alcune del mitico Rally di Piancavallo), era visitabile da parte dei soci ACI ed aperta a tutti gli appassionati ed cittadini.

In esposizione, vi era anche la celebre Fiat 500, del 1968, targata PN 0001 di proprietà dell’AC naoniano. 

Le premiazioni

L’evento clou delle celebrazioni si è svolto alle 11.30, quando il Presidente dell’Automobile Club, Corrado Della Mattia, con il Presidente Vicario della Provincia, Alessandro Ciriani e il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi, assieme alle altre autorità presenti e legate al territorio naoniano, anche in rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia, hanno consegnato un riconoscimento ai "Pionieri del volante" già segnalati, ai primi tre patentati del 1968, ai soci ACI più anziani e fedeli e agli sportivi automobilisti pordenonesi di ieri e a chi, tutt’ora, porta alto il vessillo di questa terra nelle gare sportive, rally e velocità.


 

 

 Sono stati inoltre ricordati, con la consegna di uno speciale riconoscimento ai familiari, i compianti: architetto Giorgio Garlato (primo Presidente dell’AC Pordenone), ingegner Oscar Sfreddo (Vice-presidente) e Maurizio "Icio" Perissinot, famoso rallysta pordenonese.

Non è mancato un riconoscimento anche al Fotografo per eccellenza di Pordenone, Aldo Missinato, per aver saputo cogliere le immagini significative della motorizzazione di massa nel territorio, quale segnale dello sviluppo che anche l’Italia, il Nord-Est, il Friuli Venezia Giulia e quindi la Provincia di Pordenone, stava contaminando positivamente sempre più larghi strati della popolazione.

 La grande festa

Sempre dalle 10 alle 18 è stato possibile visitare e testare di persona le attività dedicate all’educazione ed alla sicurezza stradale.

Erano a disposizione del pubblico adulto uno speciale simulatore di incidente (impatto a bassa velocità) con ribaltamento mentre, per i bambini dai 9 ai 12 anni, è stata realizzata una prova educativa su un percorso stradale simulato da fare in bicicletta (con segnali stradali e polizia locale).

Ad accogliere gli ospiti c’era un punto informativo AC Pordenone, affiancato da Sara Assicurazioni, la Compagnia assicurativa ufficiale dell’ACI.

Notevole l’afflusso di persone durante l’intera giornata; la stima è di oltre duemila persone.


La nostra storia